.

.

venerdì 10 febbraio 2017

Polentina dolce per la colazione









Vi ricordate i frollini Zaletti o zaeti di qualche giorno fa, vero?
Durante "Dolcemente Con" il maestro Santin chiese al maestro Bertolini: "Questo impasto si può usare per fare un biscotto, una torta, o una base per una torta, vero?" e il maestro Bertolini rispose di si. Potevo farmi scappare questa versione? Eccomi allora a sfornare anche un cerchio da 22 cm di diametro, in aggiunta ai frollini che post precedente.
Vi riscrivo per comodità la ricetta. Tenete presente che con gli ingredienti ricalcolati partendo da una base di 580 g di farina (250 g di farina di mais e 330 g di farina di grano tenero) io ho sfornato una cinquantina di biscotti e questa torta di 22 cm. di diametro. La grammatura che segue è invece quella originale tratta da Dolcemente Con.

Ingredienti


  • 400 g di burro morbido
  • 300 g di zucchero a velo
  • 300 g di uvetta
  • 600 g di farina debole di grano tenero 00
  • 450 g di farina di mais (va bene anche bramata)
  • 30 g di lievito in polvere per dolci
  • 5 g di sale fino
  • 4 uova
  • i semi di 1 baccello di vaniglia
  • la scorza di 1 limone grattugiato


  • Lavoriamo a mano o con la planetaria (in questo caso usato lo scudo) e impastiamo burro e zucchero. 
    Aggiungiamo le uova e facciamo amalgamare.
    Mescoliamo con una frusta le farine, il lievito, la scorza di limone e la vaniglia, il sale e poi uniamo al resto.
    Uniamo l'uvetta precedentemente messa in ammollo e poi ben scolata dall'acqua in eccesso.
    Impastiamo il minimo indispensabile e formiamo un impasto compatto. 
    Ci spostiamo sul piano di lavoro leggermente infarinato e con le mani arrotoliamo parti dell'impasto, formando dei filoni sottili come indicato nella foto.
    Tagliamo tanti tocchetti di pasta e li adagiamo sulla teglia foderata con carta forno.
    Cuociamo in forno a 170°C per circa 20 minuti.
    Decoriamo eventualmente con dello zucchero a velo. 
    Io ho posizionato sulla torta un centrino per soprammobili, di quelli che un tempo le donne usavano fare ad uncinetto e poi ho spolverano con lo zucchero a velo, in maniera tale che fosse evidente il ricamo del centrino.



    1 commento:

    1. Mmmm ottima anche questa ! Ne è rimasta una fettina?
      Un abbraccio
      Maria

      RispondiElimina