.

.

sabato 21 gennaio 2017

Quasi un profumo di pizzoccheri... in torta sfoglia












Ho voluto chiamare ironicamente così questa torta di pasta sfoglia perchè contiene alcuni ingredienti o sapori dei famosi pizzocheri della Valtellina.
Ho preparato un ripieno a base di grano saraceno decorticato, cotto, raffreddato e utilizzato per fare uno strato della torta e poi ho fatto altri due strati con la verza precedentemente lessata con i chiodi di garofano. Al posto del classico formaggio dei pizzocheri ho usato dei veli di Raspadura lodigiana. 
Per amalgamare la farcia è possibile usare un uovo oppure due patate lessate e schiacciate. 
Andiamo in cucina.

Ingredienti per una tortiera per 4/6 persone
  • 200 g di grano saraceno decorticato da lessare in acqua salata per circa 15 minuti
  • le foglie di 1 verza piccola, lavate e sbollentate in acqua salata con 1 chiodo di garofano
  • pepe nero a piacimento
  • 1 rotolo di pasta sfoglia rotondo
  • veli di raspadura lodigiana a piacimento
  • un goccio di olio extravergine di oliva
  • 2 patate o 1 uovo per amalgamare il grano saraceno dopo la cottura e prima di essere inserito nel guscio di pasta sfoglia




Composizione degli strati:





  1. Base di pasta sfoglia bucherellata con i rebbi di una forchetta
  2. Strato di verza precedentemente lessata e ben scolata dell'acqua in eccesso. Eliminiamo il chiodo di garofano dopo la cottura.
  3. Strato di grano saraceno cotto e scolato
  4. Strato di verza
  5. Pepe nero quanto basta
  6. Strato di veli di Raspadura (formaggio lodigiano)
  7. Un giro di olio evo

Cottura: in forno a 170°C fino a doratura.
Tempo totale per la ricetta: meno di 1 ora.








2 commenti:

  1. Mamma mia che buona cara Tiziana!
    Mi segno subito la ricetta.
    Un abbraccio
    Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero che ti piaccia, Maria!
      Ciao e grazie.
      Tiziana

      Elimina