.

.

giovedì 1 settembre 2016

Torniamo a casa












Quando ero piccola mia mamma mi portava a salutare il mare sul bagnasciuga l'ultimo giorno di vacanza, poco prima di salire in macchina per rientrare a casa (la macchinina con il portapacchi gigante della quale vi raccontavo tempo fa). 
Mi ricordo che cantavamo una canzone che faceva "Ciao, ciao, ciao, ciao mareee, sulla spiaggia è nato un fiore, nel mio cuore un grande amore...", canzone già intonata insieme ai Casadei, durante le varie serate romagnole in piazza, e poi concludevamo i saluti scrivendo "ciao mare" sulla sabbia bagnata.
Ricordo che era un momento velato da un pò di tristezza perché salutavamo quel mare che non avremmo rivisto per almeno un anno e al quale avremmo pensato spesso durante i grigi, e a quel tempo anche nebbiosi, autunni e inverni milanesi.


Oggi la mia Giulia si appresta a salutare il suo mare e i suoi luoghi di vacanza con un pragmatismo e una dolce risolutezza che ha preso da me... Per quanto belle siano state le sue vacanze, ha sempre voglia di tornare a casa sua. Per ogni cosa c'è un inizio e una fine e, qui da noi, c'è sempre tanto entusiasmo nel ricominciare.



Vi sto preparando delle altre ricette e qualche articolo con gli ultimi posti visitati di recente in Toscana. 

Vi aspetto e buon settembre a tutti.



Nessun commento:

Posta un commento