.

.

venerdì 4 marzo 2016

Crostata con crema al limoncello









Questa volta ho decisamente voluto esagerare con il limone! Ho fatto una frolla al limoncello, impastando direttamente gli ingredienti con il limoncello e la scorza di un limone grattugiato, giusto per cominciare a donare quel freschissimo profumo di limone fin dalla base... Poi ho fatto una crema al limoncello e succo di limone per farcire la crostata e ho terminato la torta con una manciata di granella di pistacchi.


Ingredienti per la frolla
(tortiera da 28 cm + una ventina di biscotti):
  • 500 g di farina per frolla (una farina debole tipo  "0" o "00")
  • 300 g di burro plastico a temperatura ambiente
  • 200 g di zucchero
  • 80 g di tuorli 
  • la scorza grattugiata di 1 limone biologico
  • 4 cucchiaini di limoncello di Sorrento



Gli ingredienti per la crema:
  • 300 g di latte
  • 200 g di zucchero
  • 200 g di burro
  • 200 g di tuorli
  • 130 g di limoncello di Sorrento e il succo di un limone spremuto


Preparazione della frolla:

  1. Mettiamo la farina setacciata nel classico modo a "fontana".
  2. Versiamo al centro lo zucchero (anche al velo) e i tuorli cominciando a lavorarli.
  3. Versiamo il limoncello vanigliato (*) e la scorza del limone.
  4. Aggiungiamo il burro a temperatura ambiente e tagliato a pezzetti.
  5. Lavoriamo il composto fino a sabbiarlo.
  6. Impastiamo ancora velocemente fino a compattare il tutto.
  7. Avvolgiamo il panetto con la pellicola trasparente e lo mettiamo in frigorifero a riposare per almeno 30'. Io solitamente preparo la frolla il giorno prima e la lascio riposare in frigorifero tutta la notte prima di cuocerla. 
  8. Dopo aver fatto il riposo in frigorifero, bisogna lavorarla sul tavolo di lavoro, stendendola tra due fogli di carta forno. In questa maniera si evita di usare un pò di farina di supporto per non farla attaccare al mattarello. Si stende quindi con il matterello e le si da la forma desiderata oppure la si mette nelle tortiere e negli stampi che abbiamo deciso di utilizzare. A questo punto sarebbe bene rimetterla in abbattitore oppure in frigorifero per 30' prima di cuocerla.
  9. Preriscaldiamo il forno a 170° e bucherelliamo il fondo della frolla con i rebbi di una forchetta.
  10. Cuociamo alla stessa temperatura in modalità statica per circa 30'. 
  11. Lasciamo raffreddare e riempiamo con la crema al limoncello.

E' importantissimo setacciare sempre gli elementi secchi, così come è importante non lavorare eccessivamente l'impasto per evitare di creare troppo glutine. Lo sviluppo eccessivo di glutine in una frolla genera una pasta stopposa.
Per non fare gonfiare la frolla si può mettere un foglio di carta forno sulla crostata e riempire lo stampo di fagioli, oppure mettere un altro stampo sulla frolla, della dimensione sufficientemente grande da riempire la crostata. In quest'ultima maniera si avrà anche la stessa temperatura della frolla sia sotto che sopra.


Preparazione della crema:

  1. Mescoliamo latte e burro in una casseruola e facciamo sbollire per circa 5 minuti.
  2. Togliamo dal fuoco e aggiungiamo lo zucchero e i tuorli, precedentemente mescolati con la frusta.
  3. Rimettiamo sul fuoco per qualche minuto e poi aggiungiamo il succo di limone e il limoncello, continuando a cuocere per un paio di minuti.
  4. Versiamo la crema sulla crostata precedentemente cotta e già raffreddatasi e facciamo raffreddare rapidamente anche la crema. Copriamo la crostata mettendola magari in un contenitore per torte ed evitando il più possibile il contatto con l'aria.
  5. Aggiungiamo una manciata di granella di pistacchi.


Io ho preparato anche una ventina di frollini con lo stesso impasto della frolla. Sono delicati e hanno questo fresco sapore di limone. Molto buoni.


(*) Nota sul Limoncello vanigliato: per ottimizzare i baccelli di vaniglia usati per i vari dolci fatti in precedenza, come vi avevo mostrato con il rum, ho messo un baccello (già privato dei suoi semi) in infusione in un barattolo con 3 dita di limoncello. L'ho lasciato macerare fino a che il colore del limoncello si è un pò scurito e poi ho eliminato il baccello, filtrato il limoncello e usato il liquore per fare questo ed altri dolci. 
Con questo metodo si ottengono degli aromi particolari senza dover comprare ed utilizzare appositamente un nuovo baccello.
Successivamente si può far essiccare il baccello (anche se è stato usato per l'infusione) e poi si può frullare con lo zucchero per avere uno zucchero vanigliato già pronto per fare dolci. E' un modo per usare al meglio la vaniglia e per darle nuova vita.











4 commenti:

  1. Speciale Tiziana!!! Adoro il limone nei dolci, questa crostata è limonosissima, troppo buona!!
    Un bacione e buona settimana!!

    RispondiElimina
  2. Complimenti una tripla originale :-)

    RispondiElimina