.

.

sabato 5 settembre 2015

Grasse, la città, i profumi, i gelsomini e una non ricetta


Oggi vi porto a Grasse, in Provenza, nel magnifico sud della Francia, a respirare il profumo dei gelsomini, a disegnare le colline con il dito indice della mano mentre si guarda verso l'entroterra, a camminare sulle terrazze, ad ammirare il mare verso Cannes, a gironzolare tra le stradine fuori dal tempo, da place aux Aires, in mezzo al mercato dei fiori e fino a place du Petit-Pui. 
Qui ero venuta tanti anni fa e ci sono tornata quest'estate per inebriarmi ancora nelle fabbriche dei profumi e per imparare l'arte della loro creazione con la mia Giulia.
Sosta consigliata e obbligata è al museo internazionale della profumeria e poi, a scelta, in una delle tre maison storiche aperte al pubblico: Molinard, Galimard e Fragonard.

Tanti anni fa eravamo andati da Molinard e ricordo che era stato possibile creare un vero e proprio profumo, partendo da fragranze scelte in loco. Gli esperti presenti ci avevano consigliato e guidato nella scelta, ma ricordo ancora la difficoltà nel decidere. All'epoca ero uscita dalla maison con un bel mal di testa e non riuscivo più a distinguere nessun profumo. Quest'anno invece siamo stati da Fragonard e abbiamo visitato la fabbrica, il museo annesso riguardante la storia dei profumi nei vari secoli e il museo di famiglia poco distante. 




E' stata una visita molto interessante, nel presente e nella storia. Il profumo è un'arte antica, più di quanto si riesca ad immaginare e la professione dei "Nasi", i profumieri, è qualcosa che sa di magico e di fiabesco. 
Non mi dilungo in dettagli, ma fate anche voi il vostro viaggio attraverso le immagini e trattenete le vostre curiosità, magari per poterle esprimere in una visita in questa bella città.













Adesso invece torniamo al food!
Ho tanto sperato, nel breve tempo che mi era rimasto dopo la visita alla città e alla maison, di captare i segreti della Fougassette di Grasse, la tipica brioche ai fiori d'arancio, ma niente da fare! Non sono riuscita a portarmi a casa una ricetta precisa e ufficiale, quindi in questa strana occasione, anziché fare un articolo con una ricetta, sono io a chiedervela. Se ne avete una versione e volete condividerla, sarò lieta di provarla.
Sarà un'altra di quelle ricette che contengono l'ingrediente segreto? Prima o poi lo scopriremo.



12 commenti:

  1. io non potrei mai e poi mai fare quel mestiere..il troppo profumo mi scatena delle emicranie folli. La provenza mi piace moltissimo, ma proprio tanto, quello che non mi piace è chi l'abita. Dio Santo quanto sono antipatici e boriosi.. eh dai!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io ho il problema di queste emicranie, infatti non uso profumi e soffro anche un po' quando ho di fianco qualcuno con un po' di profumo di troppo.
      Buon fine settimana Simo!

      Elimina
  2. Una vacanza molto interessante, la Provenza è bellissima, buon fine settimana Tiziana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Gabriella, ben ritrovata :)
      Buon fine settimana anche a te.

      Elimina
  3. Anche per me sarebbe duro affrontare la creazione di un profumo, ma lo fare solo per l' esperienza meravigliosa che deve essere, è un mondo così sconosciuto per me!!
    Non ho la ricetta che cerchi e soprattutto non ho mai assaggiato quella delizia!! Buon we Tiziana, che bellezza la Provenza!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si Silvia, faresti bene. Io infatti, pur essendo già stata nell'altra maison, sono voluta andare ugualmente anche quest'anno. Ne vale sempre la pena. Davi andarci Silvia, chissà quante foto faresti!
      Felice serata e buona domenica :) :) :)

      Elimina
  4. I francesi sono gelosissimi delle loro ricette vero? Purtroppo non ce l'ho, bisognerebbe provare su UNIVERSALBREAD, il fondatore è un parigino ;)
    Complimenti per il reportage!
    bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero!!! L'ho notato :)
      Proverò, ottima idea, non ci avevo pensato!
      Grazie Maria Teresa e buonissima domenica.
      A presto,
      Tiziana

      Elimina
  5. Che ricordi. Pensa che ho visitato Fragonard nel 1986 durante una gita a Nizza e Montecarlo con la scuola. Ma allora, aimè, facevo molto poco caso ai paesaggi. (guardavo solo i ragazzini!) E tanto meno il cibo!
    Interessante la brioche ai fiori d'arancio, spero che se troverai la ricetta la condividerai con noi!
    Un bacione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma dai! Che ridere... :)
      Si, i paesaggi meritano ;)
      Certo, se la troverò sarà mia premura provarla e pubblicarla.
      A presto Natascia!
      Tiziana

      Elimina
  6. Pensa che io adoro i profumi, non potrei mai uscire di casa senza! Uso solo esclusivamente il mio "Must de Cartier" adoro la Francia e mi piacerebbe andare un Provence deve essere un posto meraviglioso!
    Grazie per questo splendido reportage e le foto meravigliose! La briosche deve essere una vera golosità, sono sicura che troverai la ricetta ma devi promettere di pubblicarla, affinché. tutte noi possiamo ammirare questo splendido capolavoro di dolcezza!
    Ti auguro una splendida giornata!
    Un caro abbraccio e grazie per tutte queste meraviglie!
    Laura<3<3<3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te cara Laura per le belle parole e per essere sempre presente.
      Se mai troverò la ricetta, farò sicuramente questa frugaste :)
      Buona giornata e a presto.
      Tiziana

      Elimina