.

.

giovedì 14 maggio 2015

Pollo: si o no?

Il 13 maggio, sull'elegante Terrazza Martini di Milano è stato presentato il primo documento di consenso sulle carni avicole.
L'evento è stato organizzato da UNAITALIA, l'unione nazionale delle filiere agroalimentari delle carni e delle uova e da NFI, Nutrition Foundation of Italy con lo scopo di divulgare per la prima volta un documento scientifico che riassuma i dati della letteratura internazionale sul consumo di pollame, spaziando dalle qualità nutrizionali delle carni bianche fino al rapporto tra consumo di pollo e alcune delle malattie più diffuse.

Lo studio è stato coordinato da Andrea Poli (NFI) e ha visto la partecipazione di alcuni autorevoli esponenti della comunità scientifica e nutrizionale, tra cui Giovanni Corsello, (presidente Società Italiana di Pediatria - SIP), Claudio Cricelli (presidente Società Italiana di Medicina Generale e delle cure Primarie - SIMG), Nicola Ferrara (presidente Società Italiana di Gerontologia e Feriatria - SIGG), Andrea Ghiselli (Dirigente di Ricerca del CRA-NUT), Lucio Lucchin (direttore dell'Unità operativa complessa di dietetica e nutrizione clinica del comprensorio sanitario di Bolzano, già presidente dell'Associazione di Dietetica e Nutrizione Clinica Italiana - ADI) e Franca Marangoni (NFI).

Andrea Poli, presidente di NFI, spiega: 
"Con la realizzazione di questo documento di consenso colmiamo una lacuna di carattere scientifico sul tema delle carni avicole e sul loro ruolo nell'ambito di una corretta alimentazione. Il documento conferma come le carni avicole siano caratterizzate da un profilo nutrizionale decisamente favorevole: gli studi epidemiologici che abbiamo analizzato mostrano come un adeguato consumo di carni di pollo, in associazione ad una dieta ricca di vegetali, con un apporto moderato di grassi, e ad uno stile di vita attivo, possa facilitare il mantenimento del giusto peso corporeo, con effetti complessivamente neutri o favorevoli sul rischio delle principali malattie degenerative tipiche della nostra società”.

Dallo studio è emerso che:

  • il pollo è un alimento importante per bambini, donne incinta, anziani e sportivi perché ha un buon apporto proteico, pochi grassi, contiene più grassi insaturi rispetto a quelli saturi, è facilmente digeribile, contiene molte vitamine (soprattutto del gruppo B), minerali e ferro.
  • Il pollo contiene le proteine nobili (ha tutti i 9 amminoacidi che gli esseri umani non sono in grado di sintetizzare).
  • Il contenuto di grassi della carne del pollo è presente soprattutto nella pelle e può quindi essere facilmente eliminato.
  • Rispetto ad altre carni, quella del pollo contiene quantità rilevanti di grassi polinsaturi (omega 6 e omega 3).
  • E' stata rilevata una modesta associazione negativa tra l'assunzione di pollame e la mortalità causata da patologie cardiovascolari e diabete. Lo studio si estende anche alla correlazione con alcuni tipi di tumore.


Unaitalia ha promosso una campagna chiamata "W il pollo" che, attraverso il blog, cerca di rispondere a tutti i quesiti riguardanti la carne del pollo. 


Preso atto dei preziosi studi scientifici, noi consumatori speriamo sempre che gli animali vengano allevati, curati e trattati con le cure necessarie, in ambienti idonei, a norma, controllati e che sulle nostre tavole possano arrivare prodotti e alimenti di alta qualità e sicuri per la nostra salute.





14 commenti:

  1. Ciao!!
    Assolutamente POLLO SI :)
    Ho pensato di aggiungermi ai tuoi followers e spero vorrai ricambiare per cui ti lascio il link del mio blog, grazie!!
    That’s amore

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Grace, piacere di conoscerti!
      Grazie mille, verrò sicuramente in serata a leggere il tuo blog. A prestissimo.
      Tiziana

      Elimina
    2. Grazie e scusa la domanda, ti sei anche aggiunta ai miei followers oltre che alle cerchie? Perche' sto avendo problemi e non riesco a capirlo :(
      Buona serata :)

      Elimina
  2. yo si, a mi me encanta, si nos ponemos a investigar como se tratan, ya no solo los animales, si no las propias verduras, no comeriamos de nada, seguro. un besooooo

    Masito

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Muchas gracias Damaso!
      Buenas noches!
      Tiziana

      Elimina
  3. Muy interesante!! a mi el pollo si que me gusta mucho. Bs.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. El pollo también realmente me gusta, Julia!
      Gracias
      Besos
      Tiziana

      Elimina
  4. Informazioni molto interessanti, cara Tiziana. Io mangio pochissima carne ma quando la mangio, preferisco il pollo, di gran lunga. Speriamo davvero che siano curati e allevati come si deve!

    ps. ma sono io rimbambita o hai cambiato vestitino al tuo blog? Mi piace, sembra più chiaro e luminoso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Terry e speriamo!
      Il vestito al blog lo cambio spesso, ogni volta che ho un attimo di tempo... eh eh
      Hai ragione, è cambiato e grazie :)
      Buona serata,
      Tiziana

      Elimina
  5. Io mangio spesso il pollo anche se devo essere sincera quello che si compera non è il massimo, poi ho visto dei documentari sui "pollifici" che mi fanno passare la voglia!! Però a livello di nutrienti e di grassi è sicuramente una carne "buona", spero al più presto di trovare un venditore di pollo ruspante, allora si che lo mangerei a cuor leggero!!
    Buona serata!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Silvia, io la penso esattamente come te.
      Sono stata contenta di apprendere queste notizie ed è sempre utile conoscerle e divulgarle, ciò non toglie come indicavo alla fine del post che anch'io spero sempre di trovare allevatori e rivenditori corretti. Tutto a prescindere dai dati scientifici.
      Sarebbe bello mangiare sempre a cuor leggero, vero?
      Grazie Silvia e buona serata anche a te.
      Tiziana

      Elimina
  6. mah... io sono titubante per tutto (tranne che per la verdura del mio orto e la frutta dei miei alberi perchè non metto nessun pesticida) ne ho viste tante, anche per lavoro, quindi (a parte il gusto personale, io mangio quasi tutto) vario moltissimo il menù, non credo molto ad un cibo quando viene esaltato nè quando viene demonizzato, quindi per me viva variare! (bella anche questa veste del blog)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esattamente Simo. Variare, prodotti freschi, etc...
      Grazie anche per la veste del blog :)

      Elimina