.

.

lunedì 6 aprile 2015

Lievito madre solido: conservazione in acqua

Con questo metodo di conservazione del lievito madre, dopo il normale "rinfresco" con acqua e farina (vedi post precedenti con questa etichetta "Lievito Madre: come gestirlo"), il lievito viene conservato in un recipiente d'acqua.

Prima di tutto bisogna stendere il lievito con il matterello, dandogli la forma rettangolare e poi avvolgerlo arrotolandolo su se stesso e, infine, inserirlo in un recipiente con l'acqua.
Il lievito verrà a galla e formerà una cupola. 
In questo modo potrà essere lasciato a temperatura ambiente per un giorno e dovrà essere rinfrescato il giorno successivo. Se invece si vuole conservare il lievito in acqua per qualche giorno e fino ad una settimana, senza effettuare rinfreschi (come per la pasta madre solida conservata nel barattolo, ma diversamente dal li.co.li.), bisognerà riporlo in frigorifero.
Per poterlo conservare senza rinfreschi per periodi superiori alla settimana, bisognerà congelarlo oppure trasformarlo in polvere (vedi post precedenti).  
Se decidiamo di congelarlo dobbiamo ricordarci di lasciarlo prima 1 giorno in frigorifero e, quando decidiamo di scongelarlo, ci vorranno ancora 1 o 2 giorni in frigorifero prima di riportarlo a temperatura ambiente. Lo shock termico potrebbe far morire molti batteri e compromettere il lievito.

La conservazione in acqua è decisamente la migliore perché il rischio di inacidirsi è inferiore. 
Per verificare lo stato di salute del lievito conservato in questo modo (vedi post sullo stato di salute del lievito madre), bisogna stare attenti che:
  • il lievito non rimanga sommerso dall'acqua (in questo caso significa che è debole),
  • il lievito triplichi di volume e formi una cupola,
  • il lievito non formi una cupola troppo grande o bombata (in questo caso significa che è troppo forte).
  • Anche per questo lievito rimangono validi i metodi valutativi del suo stato di salute attraverso l'assaggio e l'olfatto.
Se si decide di conservare il lievito in acqua, sarebbe meglio rinfrescare dei panetti di pasta madre un po' più grandi, del peso di qualche etto e non delle quantità esigue (tipo 50 gr. o 100 gr.). Questo è un aspetto importante da valutare quando bisogna decidere come conservare il proprio lievito perchè chi non ha necessità di panificare molto e in grandi quantità, non ha convenienza nel mantenere una tale quantità di lievito. 




8 commenti:

  1. Ciao Tiziana, felice Pasquetta carissima, Tutte queste informazioni mi torneranno utili quando farò il corso sul lievito madre,
    chissà se riuscirò a mantenerlo vivo poverino! Grazie per questi consigli preziosi!
    Un abbraccio Laura<3<3<3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non vedo l'ora di vederti tuffare in questa meravigliosa avventura...
      Felice Pasquetta carissima Laura
      A presto
      Tiziana

      Elimina
  2. Se ti va di vedere la mia colomba, l'ho pubblica ieri sera sul mio blog!
    Baci♡♡♡

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono corsa a sbirciare nella tua cucina! Grazie di avermi avvisata perchè perdo sempre moltissimi post delle mie affezionate amiche per mancanza di tempo.
      Bravissima Laura, sei sempre più brava, davvero!
      Baci :)
      Tiziana

      Elimina
  3. Se con i tuoi consigli non riesco a mantenere vivo il mio lievito madre ... sono proprio una frana!
    Grazie cara Tiziana ed un abbraccio Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se hai bisogno, chiedi senza problemi.
      Ciao e grazie mille
      Un abbraccio
      Tiziana

      Elimina
  4. Ciao Tiziana, piacere di conoscerti. Sono arrivata qui tramite l'AIFB. Ogni tanto riesco a girare per il web alla scoperta dei soci blogger. Che è sempre una cosa estremamente piacevole e utile, come in questo caso, visto che anche io sono amante del lievito madre. A presto e un abbraccio, Giovanna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giovanna, che piacere!
      Stavo proprio guardando alcuni dei tuoi post su g+, dopo che mi hai aggiunta alle cerchie.
      Grazie mille, arrivo anch'io a trovarti sulle tue pagine.
      Buona idea quella di fare un giro tra i soci Aifb. Devo farlo anch'io!
      A presto e grazie ancora
      Ciao
      Tiziana

      Elimina