.

.

venerdì 19 settembre 2014

Focaccia con licoli a lunga lievitazione: nuovi accorgimenti per nuovi risultati e intense gratificazioni

... piccoli pasticcioni crescono...




Nella cucina verde salvia continuano le amorevoli cure nei confronti del magico licoli (mi sento un pò come la fata dei cartoni che guarda Giulia) e continuano anche i piccoli e fantastici esperimenti dopo la scuola dello scorso fine settimana, un po' goffi diciamocelo, seppur ricchi di emozione e aspettative.




Ieri ho cominciato la preparazione di questa focaccia e ho usato:
  • 500 gr. di farina macinata a pietra speciale per pizza
  • 400 gr. di acqua
  • 50 gr. di licoli 
  • 9 gr. di sale (solo nell'impasto)
  • 10 gr. di olio evo nell'impasto e un goccio prima di infornare




L'impasto è del pomeriggio di ieri. Ho lavorato tutti gli ingredienti, mettendo il sale alla fine e ottenendo un bell'impasto liscio e omogeneo.
L'impasto ha riposato un'oretta sulla spianatoia infarinata. La temperatura del panetto era di 24°. Ha passato tutto il resto del tempo in frigorifero, coperto, fino all'indomani mattina, alle 9.00 circa. 


L'ho riportato a temperatura ambiente, anche se ho notato che l'impasto è rimasto un po' freddo e quindi il risultato finale sarebbe potuto essere migliore. Domani seguirò il suggerimento del maestro di riporre l'impasto in frigorifero dentro un contenitore di plastica, anziché di vetro o di ceramica.
Ho schiacciato l'impasto con i polpastrelli sulla spianatoia infarinata, cercando di non sgonfiarlo troppo dell'aria faticosamente incorporata, dandogli la forma rettangolare.


L'ho adagiato sulla teglia facendo cadere la farina in eccesso (oggi non ho potuto cuocere direttamente sulla pietra refrattaria perché la pezzatura era troppo grande rispetto alla dimensione della pietra). Ho aggiunto un filo d'olio evo e ho cotto a 250° per circa 20', nel forno già preriscaldato, intorno alle ore 12.30.
Non ho aggiunto neanche un granello di sale e il sapore è tanto delicato quanto intenso. Ha un sapore di "sano", avete presente la sensazione?




Questo pane è per la raccolta n. #21 di PANISSIMO 
ideata da Sandra, di Sono io Sandra e da Barbara di   
che per settembre trovate da Sandra


e volendo anche dalla collega polacca Zalapach Chleba 


13 commenti:

  1. Tiziana ... hai creato un'altra meraviglia!!! sei bravissima e trasmetti tutto l'amore in quello che fai! ti abbraccio e buon week end! Dimenticavo... prima o poi passo a trovarti, voglio proprio vedere questo meraviglioso lievito! ;-)))
    Baci Manu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Manu, grazie ;) e buon weekend anche a te e alla tua famiglia.
      Ti farò trovare un po' di lievito da portarti a casa :)
      Ciao
      Tiziana

      Elimina
  2. ce n'e' una fetta anche per me???Baci Sabry

    RispondiElimina
  3. Meravigliosa questa tua focaccia!!!
    Io uso la pasta madre solida....non ho mai provato a fare quella liquida, magari prima o poi ci provo!
    Ciao
    Serena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Serena! Anch'io ne ho una solida e la alterno alla crema. Danno sempre molte soddisfazioni!
      Buona domenica,
      Tiziana

      Elimina
  4. stupenda Tiziana! prendo nota di tutti i trucchi!!!
    un abbraccio
    Sandra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...detto da te è sempre gratificante.
      Ciao Sandra!

      Elimina
    2. no, guarda che sono io che imparo sempre qualcosa da tutti voi!

      Elimina
  5. bella focaccia, grazie per l'aggiunta alla lista di settembre, saluti da acacia blog Małgosia

    RispondiElimina