.

.

martedì 30 settembre 2014

Pane morbido al latte e miele di tiglio

Un intenso profumo di tiglio aleggia in tutta la casa



Ogni tanto mi piace preparare il pane al latte giocando con le fragranze del miele. Oggi ho scelto il miele di tiglio che avevo già utilizzato per altre preparazioni, anche diverse dal pane.




Gli ingredienti sono:

  • 400 gr. di farina 1 macinata a pietra
  • 7 gr. di sale
  • 40 gr. di lievito in crema rinfrescato tutti i giorni
  • 1 cucchiaio abbondante di miele di tiglio
  • 280 gr. di latte intero



Ho impastato gli ingredienti aggiungendo il latte poco alla volta e il sale per ultimo.
Ho lavorato per bene l'impasto fino ad ottenere un bel panetto liscio e omogeneo che ho lasciato riposare 1 ora a temperatura ambiente.
Ho inserito l'impasto in uno stampo da plumcake e, coperto con pellicola trasparente, l'ho messo in frigorifero per 16 ore.
Ho riportato l'impasto a temperatura ambiente, ho fatto 3 pezzature di uguale grandezza e ho dato forma a dei filoni. Ho lasciato lievitare il pane sul piano di lavoro infarinato, a temperatura ambiente.
Oggi è una giornata calda. Dopo tre ore ho adagiato il pane sulla teglia da forno foderata con carta e ho cotto nel forno preriscaldato con vapore (ho messo una ciotola d'acqua sul fondo del forno per tutta la durata della cottura) a 250° per una ventina di minuti abbondanti.

E' un pane molto morbido e profumato.
Se vi piace il sapore del tiglio, provatelo.




Questo pane è per la raccolta n. #22 di PANISSIMO 
ideata da Sandra, di Sono io Sandra e da Barbara di   
che per ottobre trovate da De Gustibus Itinera



e volendo anche dalla collega polacca Zalapach Chleba 


domenica 28 settembre 2014

Risotto al branzino, pere e semi di finocchio






Oggi a casa abbiamo voglia di risotto e, siccome non riesco mai a fare la stessa ricetta per due volte di fila, ho provato questo nuovo abbinamento.
Avevo voglia di cucinare il branzino e ho voluto abbinarci le pere con i semi di finocchio. 
Abbiamo assaporato e gustato lentamente questo sapore con così tanto carattere fino all'ultima forchettata. E' molto buono, ve lo consiglio. 
Anche questa volta, piace ai bambini...



Ecco gli ingredienti:
  • 200 gr. di riso
  • 1 spicchio d'aglio
  • un goccio di olio evo
  • 1 bicchiere di vino bianco 
  • brodo vegetale
  • 150 gr. di filetto di branzino
  • burro per mantecare (io ho usato 20 gr.)
  • 1 pera tagliata a dadini
  • una spolverata di semi di finocchio (quantità in base al gusto)
  • sale e pepe


Piatto per 3/4 persone.
Esecuzione: semplice.
Tempi: 20'.




Ecco come ho preparato questo risotto semplice, veloce e davvero buono.

In una padella molto capiente ho fatto scaldare l'olio evo e l'aglio. Appena scaldato l'aglio, l'ho tolto e ho tostato il riso. Ho aggiunto il vino bianco e l'ho fatto sfumare. Ho aggiustato di sale e pepe e ho continuato la cottura bagnando con il brodo vegetale.

Verso la fine della cottura del riso, ho aggiunto la pera tagliata a dadini piccoli, i semi di finocchio e parte del filetto di branzino tagliato a pezzettini.
Ho mescolato tutto e fatto mantecare con dell'ottimo burro.
Ho tenuto da parte 3 filetti sottilissimi di branzino che mi sono serviti per vestire il mio risotto. Li ho cotti a parte, in un'altra padella, con un goccio di olio evo, per pochi minuti. 
Per preparare i piatti mi sono servita di un coppapasta. L'ho adagiato al centro dei piatti, ho preso i filetti di branzino e ho foderato il coppapasta all'interno (1 filetto per piatto). Vi ho adagiato all'interno il risotto, preparato con pere, semi di finocchio e il restante branzino tagliato a pezzetti, ho premuto un po' con il cucchiaio per dare forma alla pietanza e ho sfilato leggermente il coppapasta.

Provatelo perché è squisito e altrettanto delicato.


Buona prima domenica d'autunno.



Questa ricetta va al programma di affiliazione di: 


Linky Party C'e' Crisi

venerdì 26 settembre 2014

Pizza con lievito madre e autolisi condita con zucca e cipolle rosse





La pizza di oggi la impastiamo con:

  • 600 gr. di farina macinata a pietra speciale per pizza
  • 60 gr. di lievito madre in crema rinfrescato tutti i giorni
  • 10 gr. di sale
  • 12 gr. di olio evo
  • 480 gr. di acqua (80% idratazione)



Ho ripreso il metodo dell'autolisi e ho versato nel bicchiere della planetaria la farina e 350 gr. di acqua. Ho mescolato, coperto con pellicola trasparente e lasciato riposare 30'.

Ho mescolato acqua e farina, ho aggiunto gli altri ingredienti e l'acqua rimanente, il sale per ultimo, e ho impastato tutto fino ad avere un bell'impasto molto morbido e liscio.

L'ho spostato sul piano di lavoro infarinato e l'ho  lavorato ancora, senza "pirlarlo". L'ho lasciato riposare sul piano di lavoro senza coprirlo.

Ho riposto l'impasto nel contenitore di plastica, abbastanza capiente per permettergli di lievitare, e l'ho messo a riposare in frigorifero anche tutta la notte (tot. 16 ore).



Ho tolto dal frigorifero l'impasto e l'ho riportato a 24°. E' stato 3 ore fuori dal frigorifero.

Non ho fatto delle palline di pizza, ma ho schiacciato l'impasto dandogli la forma e la grandezza rettangolare della mia teglia da forno. Con i polpastrelli e con farina di supporto ho schiacciato leggermente la pasta senza sgonfiarla troppo.

Ho cotto con pietra refrattaria nel forno, ma non direttamente a contatto con la pietra perché la pezzatura era troppo grande.
Temperatura forno 250°, modalità statica, per circa     20'.




Ho condito con mozzarella fresca, zucca e cipolla rossa cotte precedentemente (aggiunti a pochissimi minuti dalla fine della cottura). Io preferisco cuocere le verdure al vapore, ma questa volta ho fatto cuocere insieme in padella la zucca e la cipolla con un goccio di olio evo. Ho preso una zucca da 300 gr. e mezza cipolla rossa.

Sullo spicchio per mia figlia Giulia c'è anche una grattugiata di aglio fresco... Chi altro lo vuole?

Buona pizza del venerdì a tutti.





Questo pane è per la raccolta n. #21 di PANISSIMO 
ideata da Sandra, di Sono io Sandra e da Barbara di   
che per settembre trovate da Sandra


e volendo anche dalla collega polacca Zalapach Chleba 





Questa ricetta va anche al programma di affiliazione di: 

mercoledì 24 settembre 2014

Pane con licoli e un giorno di lievitazione






Se vi va, oggi il pane lo facciamo così, semplicissimo:
  • 600 gr. di farina 1 macinata a pietra
  • 60 gr. di lievito madre in crema, licoli, rinfrescato tutti i giorni
  • 410 gr. di acqua
  • 11 gr. di sale





Ho impastato gli ingredienti alle 10 del mattino; ho lasciato riposare il panetto a temperatura ambiente, sulla spianatoia infarinata, e l'ho fatto lievitare.
Il pane ha riposato in frigorifero, in un contenitore coperto con pellicola trasparente, fino al mattino seguente. Alle 7 del mattino l'ho tolto dal frigorifero, gli ho dato la forma e l'ho riportato alla temperatura di 24° lasciandolo sul piano di lavoro infarinato con farina di semola.
Alle 9.30 l'ho cotto nel forno preriscaldato a 200°, adagiandolo direttamente sulla pietra refrattaria, per circa 25'. Ho lasciato il forno leggermente aperto alla fine della cottura.



Questo pane è per la raccolta n. #21 di PANISSIMO 
ideata da Sandra, di Sono io Sandra e da Barbara di   
che per settembre trovate da Sandra


e volendo anche dalla collega polacca Zalapach Chleba 





Questa ricetta va anche al programma di affiliazione di: 

Gnocchi di patate con farina integrale e ricotta



Oggi proviamo a fare questi gnocchi con la farina integrale con tutto il grano macinata a pietra e vediamo un po' cosa dice la famiglia.

Ingredienti:
  • 150 gr. di farina integrale macinata a pietra 
  • 400 gr. di patate lessate e schiacciate
  • 2 uova
  • 100 gr. di ricotta
  • un pizzico di sale, pepe bianco e noce moscata

Piatto per 4 persone.
Esecuzione: semplice.
Tempi: 10' + tempo per lessare le patate

Per condire possiamo sbizzarrirci come sempre ma, essendo la prima volta che uso la farina integrale per gli gnocchi, ho deciso di usare del semplice burro fuso. Possiamo sempre pasticciare di più la prossima volta!


Procediamo lessando le patate, sbucciandole e schiacciandole con lo schiacciapatate all'interno di una terrina. Quando si saranno raffreddate, uniremo nella stessa terrina anche le uova, la farina, la ricotta, il sale, il pepe e la noce moscata.
Lavoriamo il tutto velocemente amalgamando gli ingredienti e facendo attenzione a non scaldare troppo l'impasto e poi spostiamo il composto ottenuto sul piano di lavoro infarinato.

Tagliamo via via parte dell'impasto, formiamo dei filoncini arrotolandoli con le dita e poi tagliamo i nostri gnocchi. Io non li rigo quasi mai.

Disponiamo gli gnocchi su un vassoio infarinato e facciamo bollire l'acqua per la cottura. Raggiunta l'ebollizione, saliamo, uniamo un goccio di olio evo nell'acqua e versiamo gli gnocchi. Cuociamo velocemente per un paio di minuti al massimo. Questi gnocchi sono cotti 1 minuto dopo essere venuti a galla.

Facciamo sciogliere 10/20 gr. di burro in una padella e uniamo gli gnocchi scolati, magari con l'aiuto di un mandolino. Facciamo insaporire qualche secondo in padella e serviamo.



Verdetto dopo il primo assaggio: "Molto buoni!"
Ok, sono salva...



Questa ricetta va anche al programma di affiliazione di: 



lunedì 22 settembre 2014

Focaccia morbida con quinoa, mozzarella e cipolle rosse



Cara Giulia, per una giornata speciale 
ci vuole una merenda speciale.





Oggi allora prepariamo una focaccia morbida e la abbiniamo alla quinoa, alle cipolle rosse e alla mozzarella.





Ho usato questi ingredienti per l'impasto:

  • 600 gr. di farina 1 macinata a pietra
  • 120 gr. di licoli (ho dovuto fare una lievitazione più veloce)
  • 400 gr. di acqua
  • 12 gr. di olio evo nell'impasto più un goccio sulla focaccia prima di infornare
  • 11 gr. di sale

e questi per la farcitura:

  • 50 gr. di quinoa tricolore
  • un pizzico di sale
  • mezza cipolla rossa
  • mozzarella in quantità a piacere


Ho impastato tutti gli ingredienti, mettendo il sale per ultimo e ottenendo un bell'impasto liscio e omogeneo.
Ho fatto riposare l'impasto sulla spianatoia infarinata e poi l'ho lasciato lievitare fino al raddoppio a temperatura ambiente, in un contenitore coperto da pellicola trasparente. 
Ho schiacciato lievemente l'impasto con i polpastrelli delle dita, sulla spianatoia infarinata,  adagiando poi l'impasto sulla teglia da forno ed eliminando la farina in eccesso.
Ho aggiunto un goccio di olio evo e ho infornato, nel forno preriscaldato, a 250°.

Nel frattempo ho cotto 50 gr. di quinoa in una pentola con acqua abbondante e un pizzico di sale, per circa 15' dopo l'ebollizione.
Ho scolato la quinoa e ho tagliato a pezzettini la mozzarella e a fette grandi la cipolla rossa.
Quasi alla fine della cottura, ho preso la teglia dal forno e ho aggiunto la quinoa, la cipolla e la mozzarella. Ho lasciato la focaccia in forno ancora per 2 o 3 minuti, abbassando la temperatura e poi l'ho sfornata.

Buona merenda di compleanno





Questo pane è per la raccolta n. #21 di PANISSIMO 
ideata da Sandra, di Sono io Sandra e da Barbara di   
che per settembre trovate da Sandra


e volendo anche dalla collega polacca Zalapach Chleba 


Buon compleanno piccola Giulia

Per te, solo cuori.