.

.

sabato 30 agosto 2014

Crostata alla frutta con doppia crema pasticcera del 30 Agosto 2014



Rieccoci anche con i compleanni: questo fine settimana si festeggia, con un po' di ritardo rispetto alla data del compleanno, la nonna Venerina detta Nina e le facciamo una gustosissima crostata ricca di sapori.



Ho pensato di fare una base di pasta frolla con il metodo e gli ingredienti delle precedenti crostate, mentre per la farcitura ho pensato di fare due creme pasticcere, una semplice alla vaniglia e una al cacao, in modo da dividere in due parti la crostata e di farcirla per metà con la prima crema e per l'altra metà con la crema al cacao. Questa volta mettiamo davvero d'accordo un po' tutti. Per la frutta, ho pensato di giocare con l'uva fragola senza semi, l'uva bianca senza semi, le more e i ribes. Una pioggia di codette di cioccolato e biscotti frollini per guarnire.

Per gli ingredienti e l'esecuzione della frolla (base e biscotti per decorare) che mi sono serviti per una teglia di 20x30 cm. e una ventina di biscotti, clicca sul link "Crostata dolce alla frutta". In questo caso, rispetto ai miei consueti ingredienti, ho usato 7 tuorli, 1 gr. di semi di un baccello di vaniglia, farina specifica per frolla, inoltre non ho messo la scorza del limone grattugiato. In ogni caso vanno bene anche gli ingredienti del post "Crostata dolce alla frutta".

Per quanto riguarda invece ingredienti e modalità di esecuzione della crema pasticcera, vai il link "Crema pasticcera".

Per la crema pasticcera al cacao, che ho usato per farcire metà di questa crostata, ho usato:
  • 400 gr. di latte intero
  • 100 gr. di panna
  • 150 gr. di tuorli
  • 150 gr. di zucchero
  • 18 gr. di cacao dolce in polvere
  • 20 gr. di farina di riso



Non so cosa ne pensiate voi, ma con la crostata si mettono d'accordo un po' tutti i gusti.





Con questa ricetta partecipo al contest ”La torta di compleanno la porto io!” 

La Torta di Compleanno la Porto Io! 2

venerdì 29 agosto 2014

Pane schiacciato alle prugne: pasticci delle vacanze, nostalgia del blog e della mia cucina

La cucina non era la mia, gli spazi non erano i miei, gli utensili nemmeno, il profumo del mare e della Provenza erano però irresistibili così, sul tavolo del balcone che guarda le montagne poco distanti, ho impugnato il mattarello, comprato al supermercato più vicino. Un mese senza impastare è davvero impossibile da trascorrere...

Tutto era diverso: l'acqua, l'aria, il lievito, la temperatura, gli ingredienti. Bene o male tutto aveva un altro sapore.

Ho fatto questo impasto per una colazione a base di pane schiacciato farcito con prugne secche. Sono soddisfatta del risultato. Eccolo qui:





Ingredienti: 


  • 200 gr. di farina 00 di frumento biologico tenero
  • 100 gr. di farina integrale di farro monococco biologico e farina 1 di grano tenero biologico
  • 183 gr. di latte fresco
  • 2 gr. di lievito di birra (il mio lievito madre era in trasferta nel congelatore...)
  • 1 cucchiaio di olio evo
  • 30 gr. di zucchero semolato più altro da aggiungere prima della cottura
  • una manciata di frutti secchi misti per l'impasto (cocco, banana, papaya,...) e una manciata di prugne secche per guarnire.
  • emulsione fatta sbattendo leggermente 1 tuorlo e un goccio di latte o panna
  • una noce di burro per la teglia


Procedimento:
  1. Impastiamo farine, latte, lievito, zucchero, frutta secca e olio fino ad ottenere un bell'impasto omogeneo. Lasciamo lievitare fino al raddoppio del suo volume in una ciotola capiente, coperta da pellicola trasparente, a temperatura ambiente.
  2. Imburriamo una teglia, vi trasferiamo l'impasto  schiacciandolo con i polpastrelli delle dita e, coperto da pellicola trasparente, lo lasciamo lievitare ancora.
  3. Togliamo la pellicola, aggiungiamo le prugne, un po' di zucchero e spennelliamo la superficie con un'emulsione di tuorlo e latte o di tuorlo e panna.
  4. Cuociamo nel forno preriscaldato a 180° per una decina di minuti, poi abbassiamo la temperatura a 150° per altri 15'. Lasciamo raffreddare nel forno aperto per una decina di minuti e poi continuiamo a far raffreddare il pane su una gratella, fuori dal forno.

giovedì 28 agosto 2014

Ben ritrovato blog!


Viaggiare è bellissimo, ma ritornare a casa è sempre una grande emozione. Per me è così. Adoro questi spazi che mi sono così cari, infatti arrivare dopo un viaggio e riaprire la porta di casa è come ricevere un grande abbraccio. 
E allora ben ritrovato anche a te Blog! 
Mi sei mancato tantissimo.

Piano piano ricomincerò a leggere tutti voi con il piacere di sempre, ma anche con la solita fretta e, prima o poi, riuscirò anche a ritirare gli ultimi due graditissimi premi che ho ricevuto da alcune simpatiche blogger.

Con l'occasione voglio allegare a questo mio diario alcuni scatti che ho fatto durante queste vacanze, per ricordo e per far respirare la mente.

Buon settembre a tutti, si riparte!